IMOLA, 8 GIUGNO 2014

IMOLA, 8 GIUGNO 2014

Non c’è un aggettivo giusto per descrivere l’week end di gara appena trascorso, ma C’è qualcosa nell’aria dei giorni post gara che si può forse definire amarezza, l’amarezza per un paio di gare che potevano finire diversamente e di una penalità ingiusta….

“E’ stato un week end per certi versi deludente” ammette Paolo; per quanto riguarda la Moto3, è per Casadei che si dice così arrabbiato. Mattia che a Vallelunga andava un secondo più forte degli altri, qui si è ritrovato a prendere un secondo al giro . A Vallelunga era giusto provare a spingere per vincere ma qui bisognava avere la lucidità per fare un respiro profondo e stare con il gruppo più lento. La lucidità è un pregio dei grandi campioni. Nelle corse c’è una linea sottile tra coraggio e incoscienza, tra finire una bella gara quinto e rischiare di farsi male arrivando quarto, il passo è breve, “non salire sul podio non sempre è una sconfitta”.
Ci sono parole di elogio invece per le due bellissime gare di Nicodemo, che il pubblico di Imola ha visto concludere in 11° posizione il sabato e 7° la domenica. Nonostante la posizione in classifica Nico ha dimostrato che sta superando i suoi limiti, dal venerdì alla domenica i suoi tempi migliorano di quasi due secondi. “E’ un pilota che avrebbe solo bisogno di girare un po’ di più, di allenarsi un po’ di più, purtroppo il Civ non sempre lo permette”.

Superflui sono gli aggettivi per lo spettacolare Arbolino pilota della Premoto3, dopo la pole position in gara1 ha schiantato le ossa agli avversari con sorpassi su sorpassi, senza scorrettezze o indecisioni finchè con una staccata alla Sic su Biaggi, nella stessa curva, Arbolino supera Vietti. Purtroppo la direzione gara lo decreta un sorpasso al limite, le ruote di Arbolino hanno toccato i due birilli a bordo pista, il sorpasso viene considerato “taglio di pista”e Tony viene penalizzato di 20 sec e si vede portare via il 1° posto, finendo 3° in classifica generale.
Delusa e amareggiata la squadra corse non manda Arbolino a ritirare il premio sul podio, “cosa insegna il Civ a questi ragazzini?” si chiede Paolo Simoncelli “in Motogp succede di peggio, per esempio ricordiamo Vale su Stoner a Laguna Seca e nessuno disse nulla.” Ogni avvenimento è un episodio a se, bisognerebbe giudicare in base alla categoria da cui deriva la potenziale infrazione, Questi ragazzini mettono in pista anima cuore vita e sogni, non è giusto gli vengano infranti. In gara 2 Arbolino dimostra di che cosa è fatto, nessuna penalità lo può intimorire, rifila sette sorpassi nella stessa curva del giorno prima, i commissari di gara per un incidente sventolano bandiera rossa e si ricomincia, come se nessuna accelerata, frenata,o staccata fosse stata fatta poco prima. Arbolino deve ricominciare tutto da capo, ma non si scoraggia e finisce di nuovo 1° dimostrando la sua netta superiorità e dedicando i suoi maestosi sorpassi a coloro che il giorno prima gli avevano regalato la penalità.
Non è stato altrettanto “fortunato” Kevin che partendo dietro per problemi alla moto, risolti solo sabato poco prima della gara, non corre, ma lotta per raggiungere i piloti di testa, con loro sfila tra una curva e l’altra un giro dopo l’altro finchè scivola per un errore di inesperienza e non conclude la gara. Anche la domenica Imola non gli è amica, nonostante una buonissima partenza e dopo aver superato Tony , non dosa la velocità in entrata in curva e un miracolo salva entrambi dalla caduta. Concluderà la gara con un discreto 5° posto.

Ma chissà che non sarà proprio questo amaro in bocca a far spalancare il giusto gas ai nostri quattro moschettieri, anzi tre perché uno di gas ce ne sta dando anche troppo, chissà se Kevin ancora più motivato non riuscirà a cambiare le sorti del campionato strappando, o ritardando il matematico titolo che potrebbe aggiudicarsi il compagno Arbolino, chissà che Casadei non smetterà con questi suoi black out e non inizierà a dosare meglio il suo irruente talento e che Matturro non ci si sorprenderà come già sta facendo gara dopo gara… noi saremo qui a vedere questa imprevedibile, scatenata, matta, disordinata straordinaria e pazzesca Sic58squadra corse……. e voi?