AUSTRALIA 22/10/17

AUSTRALIA 22/10/17

Sbarchiamo in Australia dove ci accoglie il tepore di un bellissimo sole, bellissimo come un giorno d’estate nel mese di dicembre. Avevamo lasciato il Giappone sotto una pioggia torrenziale, ora lascio l’Australia in cui di torrenziale ci sono solo i miei pensieri che mi rimbombano in testa mentre lascio mia figlia a fare un’esperienza lavorativa all’estero, mentre la guardo diventare grande. Ha scelto l’Australia perché se ne innamorò quando la portammo a Sidney nel 2006. Carica di sogni e di aspettative come è giusto che sia alla sua età, sarà per lei un’avventura fantastica, un po’ meno per noi che torneremo a casa senza di lei.
Il tempo deIl’ week end Australiano era in vena di fare scherzi, ha reso complicati tutti i turni di prove per poi farci correre domenica tre gare sull’ asciutto.
Tatsuki venerdì ha fatto il 10° tempo nelle prove ufficiali ed eravamo tutti incazzati. E’ strano quanto cambino velocemente le cose; due, tre mesi fa ci avremmo messo la firma per una posizione così ora ci arrabbiamo per una prima fila sfuggita e un 10° tempo. Ma il merito è tutto di Tatsu, dopo il 4° posto in Giappone gli è scattata la molla e noi siamo felici di averlo a lavorare con noi. Domenica: siamo partiti con le slick perché la gara era stata dichiarata “asciutta”, in questo modo se avesse piovuto avrebbero potuto fermare la gara. Il nostro Nippon fa una partenza brillante poi Canet gli cade davanti e per evitarlo perde un po di posizioni passando da 8° a 17°. Tatsu finisce a trascinare il gruppone degli inseguitori poi interrompono la gara per pioggia, che essendo oltre i 2/3 viene considerata valida e conclusa. Questo dimostra che è cambiato, che sta cambiando. Qualche mese fa sarebbe arrivato zona 15° invece finisce in 9° posizione. Il bilancio di queste extraeuropee direi che è ancora positivo.
Tony sta affrontando con serenità la fine di questo anno di rodaggio e sta accumulando esperienza per il prossimo.

In quanto a me e mia moglie abbiamo deciso di affrontare tutte le trasferte del trittico con tutte le difficoltà del caso. E’ vero forse avremmo potuto rinunciare alla prossima gara che si terrà in Malesia sarebbe stato sicuramente più facile, invece …….. La squadra ci aspetta li e abbiamo deciso di andarci entrambi.
-PaoloSic58-